Rivoluzione Neurologica: ora sembra che giocare ai videogiochi faccia bene al cervello!

DiCamilla Mencarelli

Novembre 1, 2023

Per decenni, i videogiochi sono stati oggetto di controversie e dibattiti. Come in passato è accaduto per il rock and roll, la televisione e persino i romanzi, i videogiochi hanno portato con sé una serie di preoccupazioni, spesso amplificate dai media. Preoccupazioni che spaziano dalla presunta dipendenza, all’aumento dell’aggressività, e agli effetti negativi sulla salute, come l’obesità e lesioni da sforzo ripetitivo.

Tuttavia, negli ultimi anni, la percezione dei videogiochi sta subendo una vera e propria rivoluzione, grazie a una crescente quantità di studi che dimostrano che il mondo dei giochi può essere molto più che una fonte di puro intrattenimento. Gli effetti positivi dei videogiochi sulla mente umana stanno emergendo con chiarezza, e sembra che il gioco possa avere un impatto benefico sul cervello e sulle abilità cognitive.

L’approfondita ricerca in questo campo, condotta da studiosi di tutto il mondo, sta smontando molti stereotipi sui videogiochi. Alcuni dei risultati più sorprendenti provengono da uno studio condotto da Vikranth Bejjanki e colleghi, pubblicato sulla rivista PNAS. Il loro lavoro, che conferma ricerche precedenti, dimostra che i giocatori abili in giochi d’azione possono vantare prestazioni superiori in termini di percezione, attenzione e processi cognitivi rispetto ai giocatori meno esperti.

In una serie di esperimenti che coinvolgeva un numero limitato di partecipanti, i ricercatori hanno rilevato che i giocatori esperti erano significativamente migliori in compiti percettivi rispetto ai giocatori con meno esperienza. Ancora più interessante, in un altro esperimento, i ricercatori hanno addestrato giocatori inesperti fornendo loro 50 ore di pratica in giochi d’azione. Alla fine del periodo di addestramento, questi giocatori mostravano notevoli miglioramenti nelle loro capacità percettive rispetto a prima del training.

Questi risultati portano a una conclusione interessante: l’apprendimento potenziato attraverso i videogiochi può fungere da meccanismo di base per influenzare le prestazioni in percezione, attenzione e processi cognitivi. Tali scoperte aprono nuovi orizzonti nel campo dell’educazione e della terapia, sottolineando il potenziale formativo dei videogiochi.

In un contesto educativo, i videogiochi possono risultare divertenti e coinvolgenti, rendendo più semplice mantenere l’attenzione degli studenti per periodi più lunghi. Inoltre, i videogiochi possono rappresentare un metodo di apprendimento più attraente rispetto ai tradizionali approcci didattici per alcuni individui.

Un altro aspetto fondamentale è che i videogiochi superano barriere demografiche. Non conoscono età, sesso, etnia o livello di istruzione. Possono essere strumenti utili per raggiungere obiettivi specifici, fornire feedback, rinforzare il senso di autostima e promuovere il cambiamento comportamentale. La loro interattività stimola l’apprendimento, permettendo alle persone di sperimentare la novità, la curiosità e la sfida. In altre parole, i videogiochi offrono l’opportunità di sviluppare competenze trasferibili e di praticare attività coinvolgenti.

Ma le applicazioni positive dei videogiochi non si limitano all’ambito educativo. Grazie alla loro capacità di coinvolgimento, i videogiochi possono essere utilizzati anche a fini terapeutici. Un esempio è rappresentato dalla terapia fisica, dove i videogiochi possono sostituire o integrare i metodi tradizionali, consentendo un recupero più efficace. Studi hanno dimostrato che i bambini sottoposti a chemioterapia che giocano a videogiochi richiedono meno antidolorifici.

Oltre al loro potenziale educativo, i videogiochi possono fornire intrattenimento di alta qualità. Giochi specificamente progettati per risolvere problemi o insegnare competenze specifiche hanno riscosso un notevole successo, grazie alla loro natura coinvolgente e interattiva.

Va sottolineato che le conseguenze negative dei videogiochi coinvolgono principalmente gli individui che ne fanno un uso eccessivo, mentre ci sono poche prove di gravi effetti sulla salute dovuti a un utilizzo moderato.

In conclusione, i videogiochi stanno dimostrando di essere molto più di un semplice passatempo. Possono migliorare notevolmente le abilità cognitive, fornire un’esperienza educativa coinvolgente e persino svolgere un ruolo nella terapia. Mentre la discussione sui videogiochi continua, le ricerche scientifiche stanno portando alla luce una realtà sorprendente: giocare ai videogiochi può davvero fare bene al cervello. Quindi, la prossima volta che vedrai qualcuno immerso in un gioco, potresti non doverlo criticare, ma invece incoraggiarlo a migliorare le sue abilità cognitive in modo divertente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *