Impatto dei Social su adolescenti, oltre trenta Stati USA mettono sotto accusa Meta: “contenuti tossici e dipendenza”

DiNiccolò Ferretti

Novembre 6, 2023

Le recenti azioni legali in oltre trenta Stati degli USA hanno messo sotto accusa Meta, l’azienda madre di Facebook e Instagram, per le funzionalità dei propri social media che, secondo le accuse, avrebbero un impatto dannoso sulla salute mentale dei giovani. Queste azioni legali sollevano importanti questioni sull’uso dei social media e la loro influenza sugli adolescenti.

Le funzionalità in questione includono notifiche, allarmi, filtri, like e lo “scroll infinito,” che spingono gli utenti a rimanere più a lungo sui social media e ad interagire con il contenuto. Gli algoritmi sembrerebbero progettati per mantenere gli adolescenti connessi e impegnati, il che ha suscitato preoccupazioni sull’effetto che ciò potrebbe avere sulla loro salute mentale.

Inoltre, l’accusa sostiene che Meta abbia incluso funzionalità che promuovono il confronto costante con gli altri utenti, alimentando problemi come il dismorfismo corporeo. Il costante raffronto con gli altri attraverso funzionalità come il “mi piace” o i filtri per le foto potrebbe avere un impatto negativo sulla percezione del corpo e sulla salute mentale dei giovani.

Non è la prima volta che Meta viene accusata di mettere il profitto prima della salute degli utenti. L’azione legale è stata depositata in una corte federale della California e sostiene che Meta abbia introdotto intenzionalmente funzionalità dannose che creano dipendenza nei bambini e negli adolescenti. Oltre a questo, Meta è accusata di raccogliere dati sui bambini al di sotto dei 13 anni senza l’adeguata informazione dei genitori o il loro consenso.

La questione sollevata da queste azioni legali è complessa. Da una parte, c’è la preoccupazione legittima per la salute mentale dei giovani e l’impatto dei social media sulla loro autostima e benessere. Dall’altra parte, Meta sostiene di aver già introdotto strumenti per supportare gli adolescenti e le loro famiglie, sottolineando che è deluso dall’approccio legale degli stati.

Questi sviluppi sollevano la questione fondamentale di come bilanciare l’uso dei social media con la protezione della salute mentale dei giovani. Le azioni legali in corso rappresentano un passo importante nel dibattito sull’etica e la responsabilità delle aziende tech nel plasmare il futuro dei giovani utenti.

Si tratta di un argomento che richiede un’attenzione continua e una discussione aperta per trovare soluzioni che possano garantire un ambiente online sicuro ed equo per tutti, soprattutto per i più giovani. Le future decisioni legali e regolamentazioni potrebbero avere un impatto significativo sulla relazione tra i social media e la generazione più giovane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *