L’Evoluzione della ricerca online: Perplexity AI, Bard e Copilot sfidano Google nell’era dell’Intelligenza Artificiale

DiNiccolò Ferretti

Gennaio 24, 2024

Nel vasto panorama della ricerca online, un nuovo protagonista emerge con forza, portando con sé un’onda di innovazione: l’intelligenza artificiale generativa. Strumenti come Perplexity AI, Bard e Copilot stanno rapidamente ridefinendo il modo in cui accediamo alle informazioni online, sfidando il tradizionale dominio di motori di ricerca consolidati come Google.

Il crescente interesse per questa “ricerca 2.0” tra gli appassionati di tecnologia indica una potenziale rivoluzione nel modo in cui otteniamo risposte alle nostre domande digitali. Secondo un recente rapporto di Gartner, si prevede che entro il 2028 la metà delle persone preferirà utilizzare l’intelligenza artificiale piuttosto che i motori di ricerca tradizionali. Un cambiamento che potrebbe segnare l’inizio di una nuova era nella fruizione delle informazioni online.

Tra i pionieri di questa rivoluzione c’è Perplexity AI, una startup che ha catturato l’attenzione di investitori di spicco come Jeff Bezos di Amazon e la potente Nvidia, specializzata nei chip che alimentano l’intelligenza artificiale. L’ascesa di Perplexity AI suggerisce che stiamo assistendo a una vera e propria trasformazione nel modo in cui concepiamo la ricerca online.

Sono state testate le capacità di Perplexity AI confrontandole con due concorrenti di peso: Google Bard e Copilot di Microsoft. Il risultato complessivo è intrigante. Se da un lato si risparmia tempo nelle ricerche quotidiane grazie alla “pappa pronta” di informazioni dirette offerte da queste IA, dall’altro è importante sottolineare che, per approfondimenti più dettagliati, potrebbe essere necessario consultare ulteriori fonti o persino fare ritorno ai motori di ricerca tradizionali.

La Ricerca Turistica

Nel contesto della ricerca turistica, Perplexity AI si distingue per la sua capacità di interagire con l’utente, raffinando il prompt iniziale attraverso domande mirate. Tuttavia, alcune proposte potrebbero risultare non adatte, come nel caso di suggerimenti escursionistici per bambini più grandi quando era stato specificato un interesse per i più piccoli. Google Bard eccelle nell’offrire un’esperienza completa, con itinerari dettagliati e consigli pratici.

La Ricerca di Prodotto

Nel campo della ricerca di prodotto, Perplexity AI dimostra di essere un valido alleato, suggerendo modelli e fornendo consigli informati. Bard si distingue per la precisione nelle raccomandazioni, mentre Copilot risulta più sintetico e orientato alla velocità, non sempre in linea con le esigenze specifiche dell’utente.

La Ricerca Medica

Affrontando tematiche mediche complesse, Perplexity AI si distingue per la sua completezza, offrendo un punto di partenza solido con link a fonti affidabili. Google Bard conferma la correlazione ma richiede ulteriori passaggi per fornire gli studi specifici, mentre Copilot offre una risposta più sintetica, collegando direttamente alla Fondazione Veronesi per confermare la correlazione.

La Ricerca Professionale

Nel campo della ricerca professionale, Perplexity AI brilla ancora, creando una tabella dettagliata sul numero di termovalorizzatori nelle regioni italiane, citando anche il Sole24Ore come fonte. Bard e Copilot si dimostrano altrettanto competenti, ma con alcune differenze nella presentazione dei risultati.

In sintesi, Perplexity AI sembra emergere come leader nella sfera dell’intelligenza artificiale generativa, offrendo completezza e velocità nella ricerca. Tuttavia, ogni strumento ha i suoi punti di forza e di debolezza, e la scelta tra di essi potrebbe dipendere dalle esigenze specifiche dell’utente.

Concludendo, un consulente digitale suggerisce di abbracciare questi nuovi strumenti, con Perplexity AI che si distingue per la sua efficacia. Il futuro della ricerca online sembra orientato verso una sintesi intelligente delle informazioni, forse stiamo assistendo ai primi passi di un cambiamento radicale nel modo in cui accediamo e utilizziamo le risorse online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *