Giovanissimi B: Affrico Calcio allenati da mister Alessandro Rivi

DiGiovanni Buccarelli

Febbraio 18, 2024

Giovanissimi B: i consigli di papà Christian e il fiuto per il goal

Niccolò Riganò, incanta nei Giovanissimi B all’Affrico. Ultima giornata di Campionato dei Giovanissimi B nella seconda fase di Campionato fascia B girone B. Christian artefice della risalita della Fiorentina in Serie A con i suoi goal. Attualmente i Giovanissimi B dopo aver vinto la prima fase, giocano contro squadre del calibro di AC Prato 1908 e Aquila Montevarchi, squadre che le rispettive squadre militano in Serie D e hanno disputato anche la Serie C e nel girone ci sono anche due settori giovanili importanti come Scandicci e Zenith Prato.

Nicolò non è l’unico figlio d’arte essendo che nei Giovanissimi milita anche il figlio di Marco Turati, collaboratore tecnico della Fiorentina di Vincenzo Italiano, Marco era un difensore, Tommaso invece ha il fiuto del goal forma una coppia d’attacco con Niccolò Riganò.

Il mister dei Giovanissimi B è Alessandro Rivi, prima esperienza in questa categoria dopo aver allenato alla guida degli Allievi B della Fortis Juventus e la Juniores Regionale dell’Audace Legnaia ex collaboratore di Riccardo Rocchini attuale collaboratore tecnico dell’Inter, a Scandicci e a Fiesole con la squadra Juniores. Il mister è un figlio d’arte figlio di Raffaello Rivi ex allenatore della Cattolica Virtus dove allenò Andrea Barzagli e Paolo Rossi in anni diversi, ma anche l’US Affrico. Anche il padre di Niccolò, Christian, ha allenato l’US Affrico essendo che è stato l’artefice della vittoria della Prima Categoria portando l’Affrico in Promozione per la prima volta.

Nicolò ha segnato tredici goal e Tommaso undici. La prima parte della seconda fase è stata contro la Colligiana e ha visto vincere l’Affrico con un rocambolesco 2-5, le ultime gare sono state due sfide contro due concorrenti per il titolo finale, lo Scandicci e la Cattolica Virtus un pareggio e una sconfitta contro la Cattolica, niente male per dei ragazzini solo di tredici anni.

Abbiamo avuto il piacere di intervistare Alessandro Rivi mister dei Giovanissimi B e figura storica del calcio Fiorentino come lo è stato suo padre. Domenica 19 Febbraio, sarà la ricorrenza dei 20 anni dalla morte di Raffaello Rivi suo padre, creatore di Andrea Barzagli e di Paolo Rossi due figure rappresentative del calcio Toscano e Italiano creati dalla Cattolica Virtus.

FN: Che stagione state facendo con i Giovanissimi B?

AR: Una stagione molto importante. Il campionato è diviso a due fasi, la fase Provinciale che abbiamo vinto e la fase Regionale con squadre ambiziose come la Cattolica Virtus, lo Scandicci, la Sancascianese, la Sinalunghese ma anche due club di Serie D, Acquila Montevarchi e AC Prato 1908. Nella prima fase abbiamo avuto 13 vittorie su tredici gare, ora partecipiamo a questo campionato che è una sorta di mini élite, di preparazione per la prossima stagione. Siamo partiti bene con tre vittorie su tre ma è arrivata una sconfitta in casa contro la Cattolica Virtus, una squadra più pronta di noi e già squadra visto che ha inserito in organico cinque ragazzi che provengono dalle squadre professionistiche e che la rendono al momento una squadra, insieme alla Sestese e al Tau due organici, più forti di noi.

FN: Domenica ricorreranno i 20 anni dalla scomparsa di Raffaello Rivi suo padre…

AR: Una brutta data che non posso dimenticare, né io, né la mia famiglia al completo perché ci ha lasciato in un momento importante della mia vita. Avevo appena compiuto 25 anni e con alle prese decisioni importanti della vita. È stato un padre che ogni figlio avrebbe avuto sempre presente in tutte le sue scelte, sempre disponibile. Non ammetteva una mia delusione calcistica ed è stato un gran padre anche per mia sorella.

Era un professionista nel mondo del calcio ed ha creato vari calciatori importanti, Riccardo Rocchini all’Affrico, attuale collaboratore tecnico dell’Inter, il compianto Paolo Rossi, Roberto Malotti allenatore del Grosseto e Andrea Barzagli alla Cattolica Virtus ex calciatore della Juventus. Come allenatore ho appreso molto da lui come metodologia di gioco, ma soprattutto come comportarsi con i ragazzi imponendo delle regole e cercando di rispettarle sempre, senza avere dei favoriti, ma portando avanti le proprie idee da mister, nel rispetto di tutti.. Spero che domenica Mattia figlio di Riccardo Rocchini  , in ricordo del mio papà faccia una grande gara”.

 

Giovanissimi B Affrico Calcio stagione 2023 2024

 

In foto Raffaello Rivi padre di Alessandro Rivi ai tempi della Cattolica Virtus

Raffaello Rivi ai tempi allenatore del settore giovanile Affrico Calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *