Interrogazione sulle “Zone 30” a Firenze: valutazione e costi

DiMargarida Ferreira Rodrigues

Febbraio 20, 2024

Considerando la recente istituzione delle “zone 30” nell’ambito urbano di Firenze, con l’obiettivo di ridurre la velocità del traffico a 30 chilometri all’ora, si sollevano interrogativi sulla valutazione delle condizioni stradali e sui costi sostenuti dall’Amministrazione per l’implementazione di questa misura.

Il 9 gennaio 2023, il Comune di Firenze ha annunciato l’estensione delle “zone 30” in diverse aree della città, al fine di garantire una maggiore sicurezza per i pedoni e gli utenti della strada. Tra le nuove zone designate vi sono il Villaggio Forlanini, Brozzi, Castello, Poggetto, Cure, Gavinana, Galluzzo e Podestà, oltre ad altre cinque zone individuate a Coverciano, Campo di Marte, San Bartolo a Cintoia, Soffiano e Statuto.

I dettagli delle nuove zone

Le nuove zone 30 si estendono attraverso vari quartieri di Firenze, ognuna caratterizzata da strade specifiche all’interno di perimetri ben definiti. Ad esempio, la zona di Coverciano include via Lungo l’Affrico, viale Duse, viale Verga e via del Gignoro, mentre quella di Campo di Marte comprende piazza delle Cure, viale dei Mille e altre vie limitrofe.

Bilanciamento degli interessi pubblici

L’adozione delle zone 30 a Firenze è stata guidata da un’attenta ponderazione degli interessi pubblici coinvolti. Queste includono la sicurezza stradale, la promozione della mobilità sostenibile, la tutela dell’ambiente e la salvaguardia del patrimonio artistico e culturale della città.

Metodologia e costi

L’Amministrazione Comunale ha adottato una metodologia rigorosa per l’individuazione delle strade interessate dalle limitazioni di velocità, considerando una serie di fattori come la presenza di marciapiedi, la frequenza del traffico pedonale, le caratteristiche stradali e l’utilizzo urbano dell’area. I costi sostenuti per l’implementazione delle zone 30 includono la posa della segnaletica stradale e altre misure necessarie per garantire il rispetto delle nuove regole del traffico.

Conclusioni

Le “zone 30” rappresentano un passo significativo verso una maggiore sicurezza e vivibilità nelle strade di Firenze. Attraverso un’attenta valutazione degli interessi pubblici e l’adozione di misure mirate, il Comune si impegna a creare un ambiente urbano più sicuro e sostenibile per tutti i suoi cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *