Finisce 0-1 tra l’Empoli e il Cagliari e con questo risultato si interrompe la scia positiva dei toscani

DiMartina Baldini

Marzo 3, 2024

Nello scontro diretto tra Empoli e Cagliari, valido per la 27° giornata di Serie A, la formazione sarda guidata da Ranieri ha la meglio sui toscani allenati da Nicola.

Il primo tempo tra gli azzurri e i rossoblù termina sullo 0-0. Una prima metà di gioco abbastanza buona per la squadra toscana dove non mancano le belle azioni create sin dai primi minuti. Tuttavia, gli azzurri non concretizzano fino in fondo, complice anche la sfortuna. Molto
bene la difesa, solida e presente, che concede poco e nulla.

Dall’altra parte il Cagliari risulta assente per quasi tutti i primi 45 minuti di gioco, subisce molto ed è costretto a sostituire Luvumbo per un problema fisico e al suo posto entra Zappa. Sul finale del primo tempo un paio di occasioni per i sardi fanno tremare il risultato, ma Caprile salva tutto con due grandi parate.

Al 3′ Cambiaghi serve Kovalenko in area che tenta il colpo di tacco, trovando però guantoni di Scuffet. Al 15′ i toscani vanno ad un passo dal vantaggio: gli azzurri trovano il palo, la palla rimane in area ma la squadra di casa non riesce a concretizzare grazie alla prontezza del portiere rossoblù. Nella seconda parte del primo tempo il Cagliari pressa alto ma l’Empoli tiene botta. Nel recupero Caprile è protagonista di due grandi parate, la prima sugli sviluppi del corner battuto da Nandez e poi sul colpo di testa di Lapadula.

Nella ripresa il match cambia completamente. Al 61′, sugli sviluppi del corner, Liberato Cacace porta in vantaggio gli azzurri, ma il direttore di gara Rapuano viene richiamato dal Var ed annulla la rete empolese per fuorigioco di Walukiewick nell’azione precedente. Al 69′ arriva poi il vantaggio della squadra ospite con il mancino di Jankto, complice un grave errore della difesa azzurra che concede al ceco di trafiggere Caprile.

La partita prende tutta un’altra piega e Nicola opta per un triplice cambio per ricercare un gioco più offensivo: Fazzini, Gyasi e Pezzella al posto di Cancellieri, Kovalenko e Cacace. Tuttavia, gli azzurri continuano a non concludere le azioni create: tanti, troppi errori davanti porta. Sale la tensione tra i giocatori delle due squadre: da una parte il Cagliari si esalta e crea a differenza del primo tempo, mentre l’Empoli disattento concede troppo.

Non bastano nemmeno gli otto minuti di recupero concessi da Rapuano per tentare il pareggio o un’eventuale rimonta. Il Cagliari esce vincitore dal Castellani portando a casa tre punti pesantissimi per la lotta alla salvezza, mentre l’Empoli interrompe la scia positiva iniziata con Nicola rimanendo a quota 25 punti.

Foto: Ansa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *