L’attacco Hacker a Sony mette a rischio i dati sensibili: PlayStation coinvolta?

DiCamilla Mencarelli

Settembre 27, 2023

Un presunto attacco hacker minaccia la sicurezza di Sony

Un’ondata di preoccupazione sta attraversando gli uffici di Sony Corporation mentre emergono notizie di un presunto attacco hacker da parte del gruppo Ransomed.vc. Secondo quanto riferito, i sistemi informatici dell’azienda sono stati violati, e i dati aziendali sono ora a rischio. Questo non è il primo attacco informatico che ha preso di mira Sony, e la questione è diventata ancora più inquietante considerando l’ecosistema PlayStation potenzialmente coinvolto.

Il furto dei dati e il silenzio di Sony

Il gruppo Ransomed.vc ha affermato di aver “compromesso tutti i sistemi” di Sony e sta minacciando di vendere i dati rubati sul dark web. Finora, Sony non ha rilasciato dichiarazioni ufficiali in merito all’attacco, mantenendo un inquietante silenzio.

Le prove dell’attacco e la minaccia di vendita dei dati

Ransomed.vc ha pubblicato una piccola quantità di dati rubati come prova dell’attacco. Tuttavia, le informazioni trapelate sembrano non contenere dati particolarmente sensibili. Al momento, si ritiene che il gruppo abbia accesso a meno di 6.000 file, tra cui screenshot di presentazioni interne e file Java. Non è chiaro cosa contengano esattamente questi file, ma la minaccia di vendita è molto reale.

Sony non intende pagare il riscatto

Una delle particolarità di questa situazione è che Sony sembra non avere intenzione di pagare il riscatto per recuperare i dati. Il gruppo Ransomed.vc ha dichiarato pubblicamente: “Non li riscatteremo! Venderemo i dati a causa del fatto che Sony non vuole pagare. I DATI SONO IN VENDITA.” Questa decisione di Sony ha lasciato molti a chiedersi quali dati siano realmente a rischio e se ciò potrebbe coinvolgere anche i dati personali degli utenti PlayStation.

Sony: un passato di attacchi informatici

Non è la prima volta che Sony è vittima di attacchi informatici. Nel 2011, l’azienda è stata colpita da un grave attacco in cui sono stati compromessi oltre 77 milioni di account utente, portando alla chiusura del PlayStation Network per tre settimane. Se questa nuova minaccia si trasformasse in una violazione dei dati su vasta scala, potrebbe avere conseguenze significative per l’azienda e gli utenti PlayStation.

Conclusioni

Mentre Sony indaga sulla situazione, il mondo resta in attesa di ulteriori sviluppi. La minaccia degli hacker e la potenziale vendita dei dati mettono in discussione la sicurezza non solo dell’azienda, ma anche degli utenti PlayStation. Resta da vedere come questa storia si svilupperà e quali misure verranno adottate per proteggere i dati aziendali e personali in futuro. In ogni caso, è un promemoria che la sicurezza informatica è una sfida continua in un mondo sempre più connesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *