Tour de France 2024: a Firenze la partenza dell’evento ciclistico di fama mondiale​

DiMargarida Ferreira Rodrigues

Ottobre 19, 2023

Firenze si prepara a diventare il fulcro di uno degli eventi sportivi più prestigiosi al mondo. La città, celebre per la sua ricca storia, arte e cultura, è ora pronta a fare il suo ingresso nel mondo del ciclismo professionistico come sede di partenza del Tour de France nel 2024. L’entusiasmo è palpabile nella capitale della Toscana, ma sorgono importanti interrogativi in merito ai costi e alle risorse necessarie per ospitare un evento di questa portata.

L’interrogazione comunale n°: 2023/00352 sollevata dai consiglieri Dmitrij Palagi e Antonella Bundu ha attirato l’attenzione sulla questione finanziaria legata all’organizzazione del Grand Départ del Tour de France. Questo evento ciclistico è uno dei più seguiti al mondo e richiede investimenti considerevoli. Secondo alcune stime, organizzare una partenza richiede investimenti maggiori rispetto all’arrivo e questi costi sono spesso coperti da contributi statali o pubblici diretti agli enti locali coinvolti.

La richiesta di ospitare il Grand Départ del Tour de France 2024 è stata formalizzata a Roma il 7 febbraio 2023 e questo accordo lega strettamente Firenze all’evento ciclistico. Tuttavia, la domanda principale è: quanto costerà questa avventura a Firenze?

I consiglieri, consapevoli delle sfide finanziarie che un evento del genere comporta, vogliono sapere se le somme necessarie per l’organizzazione della tappa da Firenze a Rimini sono già previste nel bilancio comunale. In caso affermativo, è importante individuare quali voci di bilancio saranno coinvolte.

Le condizioni poste dagli organizzatori del Tour de France e quelle eventualmente proposte dall’Amministrazione sono elementi chiave da definire. Inoltre, la possibilità di ottenere sponsorizzazioni private e contributi da altre istituzioni pubbliche, come la Città Metropolitana, la Regione o lo Stato, è un fattore determinante nella copertura dei costi.

Infine, la sostenibilità finanziaria dell’intera operazione è cruciale. Uno studio che metta in relazione i proventi attesi, come la tassa di soggiorno e i ricavi dalla bigliettazione dei musei, con i costi dell’evento, inclusi quelli per le pulizie straordinarie e la sicurezza pubblica, deve essere condotto per garantire che l’organizzazione del Tour de France sia un successo senza mettere a rischio il bilancio cittadino.

Firenze si prepara a ospitare il Tour de France nel 2024, un’opportunità unica che può portare prestigio e vantaggi economici alla città. Ma l’attenzione alla pianificazione finanziaria è essenziale per garantire il successo dell’evento e il benessere della comunità fiorentina.

Resta da vedere come l’Amministrazione risponderà a queste importanti questioni, ma una cosa è certa: Firenze è pronta a brillare nel mondo del ciclismo professionistico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *