Chiara Ferragni: perdita di follower anche nel fiorentino dopo il Pandoro-Gate che scuote il suo impero digitale

DiNiccolò Ferretti

Dicembre 27, 2023

Il pandoro-gate sta creando qualche turbolenza nell’impero di Chiara Ferragni. La collaborazione con Balocco ha suscitato polemiche, e mentre aumentano i fascicoli legali, l’account Instagram dell’influencer mostra una perdita di seguaci. Cosa si nasconde dietro le quinte del mondo digitale di Chiara Ferragni?

L’operazione commerciale “Pandoro Pink Christmas” ha avuto un costo per l’imprenditrice digitale. Il pandoro-gate è uno degli argomenti più discussi, con critiche alla “blonde salad” che continua a perdere seguaci su Instagram, nonostante scuse pubbliche e la difesa di Donatella Versace. Dopo la multa dell’antitrust da 1 milione di euro, Chiara Ferragni, solita a ottenere 95mila like a post, ha scelto il silenzio mentre il suo profilo Instagram perde seguaci.

La situazione è delicata, con una fuga di seguaci che ha portato a una perdita di 130mila followers negli ultimi giorni. Nonostante i tentativi di mascherare la situazione, i numeri parlano chiaro. Al 15 dicembre, Chiara Ferragni aveva 29.728.112 fan. Il 23 dicembre, i seguaci sono scesi a 29.599.555, con una perdita di 128.557 followers. Anche il marito, Fedez, ha registrato una fuga di 53.894 followers. I dati sono in questi giorni ulteriormente aumentati.

Il pandoro-gate ha scosso l’empireo di Chiara Ferragni, e molti si chiedono come stia affrontando questa tempesta mediatica e legale. L’impero Ferragni, valutato 30 milioni di euro, costruito con 14 anni di lavoro e sacrifici, sta affrontando una fase complicata, con diverse aziende e sponsor che hanno preso le distanze.

Safilo Group, leader degli occhiali made in Italy, ha interrotto la collaborazione, e il coordinatore di Fratelli d’Italia a Milano ha avviato una raccolta firme per revocare l’Ambrogino d’oro, citando violazioni contrattuali.

 

Nel Fiorentino, si stima una perdita di circa 920 follower, evidenziando così le sfide digitali di Chiara Ferragni, un contrasto con l’ampia attenzione ottenuta durante la sua visita agli Uffizi nel settembre 2020.

In quell’occasione, la nota influencer aveva generato un’enorme ondata d’indignazione, suscitando dieci volte più interesse rispetto all’occupazione di Dolce & Gabbana a Palazzo Vecchio. La disparità di attenzione mette in luce il dinamismo delle reazioni del pubblico nei confronti di Chiara Ferragni, evidenziando come l’impatto mediatico possa variare in modo significativo in diverse situazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *