Blood red wars mostra fotografica: vernissage sabato 20 gennaio

DiCamilla Mencarelli

Gennaio 17, 2024

Due stili di produzione e una sola visione: BLOOD RED WARS. Un viaggio visivo nel terribile mondo della guerra attraverso ventuno immagini raccolte, selezionati e rielaborati “elettronicamente” da Beppe Piano, grazie a sofisticati software generativi.

Un viaggio a senso unico nel dramma e nel dolore dei bambini vittime dei conflitti di tutto il mondo, dall’Ucraina alla Palestina senza limiti di dolore e di latitudine che apre di fatto il ciclo di mostre promosse e realizzate all’interno del neonato spazio culturale “la Minervina” del comitato Fiorentino ACSI.

Curata ed allestita dal designer ed editore Maurizio Della Nave, che per l’occasione ha letteralmente assemblato ad-hoc particolari “cornici” sfruttando scarti ed elementi metallici di vario tipo, la mostra ad ingresso gratuita è aperta dal martedì alla domenica, dalle 16:00 alle 23:00.

LA MOSTRA Il background digitale è il risultato di un lavoro sperimentale dove l’inserimento di un testo, in 21 lingue diverse, ha generato le immagini. La successiva fase, quella analogica, ha coinvolto foto di bambini residenti in territori stravolti da guerre in atto, privilegiando lo sguardo. Il risultato artistico, oltre che decisamente particolare ed innovativo, è una visione drammatica, emozionante, che forte si impone a chi osserva quelle opere dove i bambini puntano lo sguardo verso di noi, e fa pensare…

BEPPE PIANO, nato a Lecce nel 1947 ma fiorentino d’adozione, porta con sé una storia artistica di tutto rispetto vissuta sia in Italia che un po’ ovunque all’estero, da sempre sperimentatore ed inventore visivo, con una importante e profonda esperienza maturata fino dai primi anni ‘70 con l’adesione al Centro Gramma, con la Visual Poetry, con le performance teatrali e le installazioni degli anni ’80, con l’adesione al circuito Ottovolante, alle sperimentazioni dei primi anni ‘90 della Computer Poetry, alla grande produzione di molteplici opere di Digital Art dell’ultimo decennio…

Da molti anni, poi, come artista multimediale promuove una ricerca nell’ambito dell’Arte Digitale e delle nuove tecnologie applicate alla produzione artistica. I suoi interessi sono indirizzati soprattutto ai processi generativi, alla Intelligenza Artificiale ed alle Reti Neurali.

LA STANZA DELLA CULTURA 

Arte, Musica, Teatro, Sport, Danza e Tempo Libero. L’ ACSI provinciale fiorentino sbarca nel cuore della città con la “stanza delle cultura”, uno spazio polivalente sede del nuovo comitato territoriale ma anche open space per convegni, eventi, concerti, spettacoli, corsi di danza, mostre d’arte, incontri culturali e bar.

Un innovation center disponibile per Associazioni, famiglie, professionisti e avventori accomunati dalla passione per la cultura, l’arte, la musica, la danza e la slow life nato con l’obiettivo di sviluppare nuove forme di comunità culturale.

All’interno della neonata “Stanza della cultura” oltre ai nuovi uffici sono disponibili uno spazio eventi chiamato “La Minervina” e un lounge bar “Privé” (aperto dal Martedì alla domenica dalle ore 16:00 alle 00:00) in cui poter degustare ottimi cocktail, aperitivi e allo stesso godere di mostre d’arte, incontri culturali, concerti e molto altro.

 

ACSI FIRENZE Da sempre vicina ad Associazioni, circoli e famiglie negli anni ha saputo ritagliarsi un ruolo fondamentale nel vasto panorama culturale e sportivo fiorentino con una serie d’iniziative e un network che oggi la vede attiva in tre “stanza della cultura”:

  • Privè (via della Fornace 9, Firenze)
  • Dietro Le Quinte (Via Aretina 150, Sieci)
  • Community Park APS (Via Giuseppe di Vittorio 10 Firenze).

ACSI FIRENZE 

Presenta

 

BLOOD RED WARS

Mostra fotografica

Vernissage, Sabato 20 Gennaio, ore 17:30

Stanza culturale “La Minervina” (Via della Fornace 9, Firenze)

 

Attiva su tutto il territorio provinciale ACSI FIRENZE vanta 80 Associazioni affiliate e circa 23000 tesserati, ed offre ai propri soci assistenza legale, amministrativa di comunicazione e previdenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *