Un nuovo campo per il Rugby a Firenze: riflessioni sull’Artemio Franchi e il Padovani

DiGiulia Visconti

Ottobre 27, 2023

L’interrogazione n. 2023/00673 presentata dai consiglieri comunali Dmitrij Palagi e Antonella Bundu getta luce su questioni importanti riguardanti lo stadio “Artemio Franchi” e il campo “Padovani” a Firenze. La questione è stata sollevata dopo che la cittadinanza ha appreso attraverso i media di un potenziale riallestimento del campo di rugby “Padovani” per un uso temporaneo.

Negli ultimi giorni, la città di Firenze è stata al centro dell’attenzione mediatica a causa di un annuncio che ha acceso il dibattito tra gli appassionati di sport. L’obiettivo di creare una struttura sportiva per la Fiorentina ACF, che potrebbe essere utilizzata entro dodici mesi, ha sollevato diverse domande in merito all’utilizzo del principale impianto sportivo comunale, lo stadio “Artemio Franchi.” Ma il focus della discussione si è concentrato anche su un’altra struttura sportiva, il campo di rugby “Padovani.”

L’iniziativa di rinnovare il “Padovani” ha destato l’interesse di molti, ma al contempo ha sollevato alcune domande riguardo al futuro del rugby a Firenze. Da tempo era noto che il campo sarebbe stato ristrutturato, ma fino a poco tempo fa non erano emerse notizie ufficiali riguardo al progetto.

Il rugby è uno sport con una solida tradizione a Firenze, e il campo “Padovani” è stato una delle principali sedi delle partite di rugby. L’idea di un impianto provvisorio da 16.000 posti ha lasciato perplessi molti appassionati di rugby e le società rugbistiche coinvolte.

Una delle questioni principali sollevate è stata la destinazione del rugby durante il periodo di ristrutturazione del “Padovani.” In che impianto o campi verranno praticate le partite? Quali accordi sono stati presi con le società rugbistiche interessate? Questi sono interrogativi che richiedono una risposta chiara per garantire il futuro di questo sport a Firenze.

Inoltre, molti si sono chiesti se l’Amministrazione Comunale avrebbe potuto considerare un investimento più significativo per il “Padovani,” ristrutturandolo in modo permanente e restituendolo alle squadre di rugby con tribune ampliate. Questa sarebbe stata un’opzione per mantenere un impianto di rugby di alta qualità e consentire una maggiore continuità nello sviluppo di questo sport nella città.

Infine, ci siamo chiesti quale fosse il coinvolgimento finanziario della Fiorentina ACF in questo progetto. Con l’utilizzo della prima persona plurale da parte dei rappresentanti della Fiorentina, ci siamo chiesti se ci fosse un coinvolgimento finanziario da parte del club nella ristrutturazione del “Padovani.”

In conclusione, l’annuncio riguardante il futuro dell’Artemio Franchi e del “Padovani” ha sollevato diverse domande importanti per la comunità sportiva di Firenze. La discussione rimane aperta, e sarà interessante vedere come si svilupperà nei prossimi mesi, garantendo nel frattempo un futuro solido per lo sport nella nostra città.27

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *