Investire a Firenze: il dibattito sull’operazione “Invest in Florence”

DiGiulia Visconti

Ottobre 28, 2023

Nell’ambito del Consiglio Comunale di Firenze, il consigliere Roberto De Blasi ha sollevato un’interrogazione che getta luce sull’operazione “Invest in Florence,” un’iniziativa promossa dal Comune per attirare investimenti nel territorio comunale. L’interrogazione solleva domande importanti riguardo alla volontà politica e all’utilità di questa iniziativa, mettendo in evidenza le preoccupazioni legate alla possibile vendita di immobili sfitti a destinazione direzionale.

L’operazione “Invest in Florence” è descritta come un’operazione di marketing territoriale volta a favorire la riconversione di aree ed edifici dismessi. Tuttavia, secondo il comitato “salviamo Firenze,” ci sono preoccupazioni riguardo all’uso di questi spazi per scopi alberghieri, che potrebbero danneggiare il tessuto urbano e sociale della città. In particolare, il comitato ha proposto dei quesiti referendari per limitare l’utilizzo di immobili sfitti a destinazione direzionale oltre i 2000 mq.

L’interrogazione solleva anche il punto che alcune delle aree promosse da “Invest in Florence” coincidono con quelle che i quesiti referendari “Salviamo Firenze” intendono tutelare, ovvero le “Aree di Riqualificazione per le quali il Regolamento Urbanistico non prevede il cambio di destinazione d’uso.”

Il dibattito mette in luce il conflitto tra l’obiettivo di attrarre investimenti e la necessità di preservare il patrimonio urbano e culturale di Firenze. La domanda sull’effettiva utilità di questa misura e sulla sua compatibilità con le esigenze della città rimane aperta.

Il consigliere De Blasi interroga il Sindaco e la Giunta comunale per conoscere i motivi per cui l’iniziativa “Invest in Florence” è ancora attiva e se ci siano piani per interromperla. Questa interrogazione solleva una serie di questioni importanti sulla pianificazione urbana, la gestione del patrimonio pubblico e il futuro sviluppo della città.

Il dibattito sottolinea l’importanza di trovare un equilibrio tra l’attrazione di investimenti e la tutela dell’identità e della storia di Firenze. La risposta alle domande sollevate nell’interrogazione sarà fondamentale per definire il futuro di “Invest in Florence” e per guidare la crescita della città in modo sostenibile e rispettoso della sua eredità culturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *